logo

Igf 1 Lr3 Results,Ansomone Growth Hormone,Igf-1 Ormone

Nord Americani aborigeni in Canada

Le popolazioni aborigene dell'area che ora è il Canada sono state chiamate con nomi diversi oltre ai loro stessi nomi. Spesso sono stati indicati come indiani (piuttosto che Anishnabe, Dene, Houdenshaunee, Innu ecc.) Ed eschimesi (piuttosto che inuit), come persone native, o, soprattutto in contesti politici contemporanei, come le prime nazioni. Molti non nativi accettano prove archeologiche che suggeriscono che gli indiani e gli inuit arrivarono nel Nord America attraverso lo Stretto di Bering (gli Inuit circa 4000 anni fa, gli indiani da 20.000 a 40.000 anni fa). Le prove non sono definitive, tuttavia, e le popolazioni native pongono le loro origini sul continente nordamericano anche se riconoscono i viaggi da e per l'Asia settentrionale. Nel 1981, le statistiche canadesi riportarono che in Canada c'erano 491.000 indiani di stato, inuit, mtis e non indiani di stato, sebbene altre indagini stimino che una statistica più accurata sia compresa tra 1 e 1,5 milioni. Ci sono 53 lingue diverse, all'interno di 11 famiglie linguistiche diverse, parlate nelle comunità native canadesi. La diversità di habitat e lingua sono tra i fattori che hanno contribuito a una ricca varietà di culture.

Di fronte alla vasta pressione di assimilare a partire dall'arrivo degli europei nel XVI secolo, la cultura dei Nativi è stata spesso minacciata, ma si è adattata e rimasta vitale e distintiva. La ricerca sull'effetto sulle culture espressive native dell'interazione storica sia tra le nazioni indiane sia tra i popoli indiani ed europei è ancora nascente. Soprattutto a partire dal ca 1980, c'è stata una rinascita di interesse per la vita tradizionale, in particolare per i sistemi di spiritualità e di credenze che ne fanno parte. La vitalità delle celebrazioni inter tribali (powwows, raduni, festival) attesta il ruolo importante che la musica svolge in questo rinascimento.

Un concetto isolabile analogo alla 'musica' non esiste nelle lingue native. La musica è un mezzo per esprimere 'relazione' con altri esseri umani e non umani e con il mondo naturale. L'espressione frequentemente ascoltata 'tutte le mie relazioni' incarna tutte le entità viventi nell'universo. Praticamente tutte le nazioni rinnovano queste connessioni attraverso cerimonie che offrono ringraziamento e rispetto e ritualizzano le basi più importanti della cultura. La 'spiritualità' nativa, tuttavia, non è un dominio 'sacro' separabile dal 'secolare', ma piuttosto una parte continua dell'esperienza quotidiana. All'interno di questo quadro concettuale, la musica può funzionare in un'ampia varietà di modi. Drumming e canto potrebbero essere considerati come uno 'strumento' di caccia, un'affermazione dell'identità del proprio clan, un mezzo per cullare un bambino o una 'medicina' all'interno di una cerimonia per guarire sia il corpo che lo spirito.

La relazione si afferma anche attraverso il modo in cui le canzoni entrano nel repertorio. In alcune nazioni, un individuo può ricevere una canzone in un sogno o durante una ricerca di visione (un rapido solitario che consente un'intensa introspezione personale e accresce la sensibilità ai messaggi intorno a uno). In altri contesti, le canzoni possono essere affidate alla custodia di un individuo insieme a oggetti di medicina. In altri casi ancora, le canzoni possono essere fatte coscientemente in un modo più simile alla 'composizione' (canzoni cerimoniali di Iroquois eskanye o Bella Coola).

Una discussione sulla 'musica' nativa indipendente da altri aspetti della vita, quindi, è modellata da una prospettiva euro-canadese piuttosto che da una prospettiva nativa. Inoltre, la separazione di diverse modalità di discorso (ad esempio, chiamando, parlando, cantando ecc.) Può, in alcuni casi, essere anche etnocentrica. Gli studiosi che lavorano in aree ampiamente separate hanno imparato che queste modalità a volte possono essere più come un continuum piuttosto che una serie di categorie isolabili e discrete.

Una prospettiva non nativa pone enfasi su aspetti o categorie che potrebbero essere diversi da quelli parlati all'interno della comunità indigena. Un Anishnabe, per esempio, potrebbe parlare di un 'dream drum' o di un 'peace drum' mentre un non nativo potrebbe piuttosto riferirsi a caratteristiche fisiche come nel tamburo 'frame' o nel tamburo 'barrel'. Molte fonti non native affermano che la maggior parte degli strumenti nativi si trovano nelle categorie 'tamburi' e 'sonagli', ad esempio, senza notare che ci sono dozzine di tipi diversi all'interno di ciascuna di queste categorie. L'uso occasionale di strumenti ad arco (ad esempio il violino Apache o Inuit, ad esempio) o flauti può essere sottolineato, d'altra parte. Una prospettiva non nativa (specialmente quella basata sulla conoscenza delle musiche classiche europee) potrebbe porre l'accento sulle strutture di scala o sulla forma musicale, mentre uno studioso nativo potrebbe prestare maggiore attenzione ai sottili cambiamenti nel timbro e alla loro relazione con i fenomeni sonori nel mondo naturale. Allo stesso modo, poiché la polifonia è molto apprezzata nella storia della musica europea, l'enfasi sul fatto che molta musica amerindiana è monofonica (anche se una seconda parte ritmica è la norma in molti generi), potrebbe essere interpretata come 'semplicità' mentre un'enfasi diversa sul sottile cambiamenti nel timbro, o sulla complessità "Buy Cheap Jintropin Online" delle lunghezze delle frasi in molti generi, per esempio potrebbero rappresentare più accuratamente la sofisticazione espressiva.

Indipendentemente dalla prospettiva, le generalizzazioni sulle musiche native sono difficili da fare con qualsiasi accuratezza a causa della vasta gamma di generi e stili tra ciascuna delle molte nazioni. Per quanto riguarda lo stile di canto, ad esempio, l'intensa e alta qualità vocale maschile dei batteristi delle pianure è forse la più conosciuta. Gli stili contrastanti, tuttavia, sono numerosi, dai suoni del respiro ritmato di un katajjaq Inuit, alla Ansomone Growth Hormone qualità vocale meno chiara di certi tipi di canzoni cerimoniali del Kwakiutal, o delle canzoni di Dene, alla nasale più sottile di una ninnananna Naskapi.

Le generalizzazioni sono forse più valide per quanto riguarda i testi delle canzoni. Si può dire, per esempio, che i 'vocaboli' (sillabe senza specifica connotazione lessicale) sono prevalenti in molti repertori in cui servono una varietà di scopi come marcatori formali, riferimenti onomatopeici, dispositivi di cueing ecc. Alcuni generi di canzoni, tuttavia, contengono un'ampia narrativa testi (ad esempio, il pisiit Inuit), mentre altri (ad esempio, un Montagnais nikamun,) hanno una serie di singole parole / frasi che possono innescare un intero campo di associazioni per il cantante / ascoltatore. Altri ancora possono usare i vocaboli in alcune stanze e sostituirli con testi in altri (ad es. Canzoni d'onore del Cree o canzoni di ballo 'rotonde'). Mentre i testi sono tradizionalmente nelle lingue native, l'inglese può anche essere incorporato specialmente in repertori come il Pianure. balli di guerra.

Molti, anche se non tutti, i tipi di canzoni sono strettamente legati alle tradizioni di danza. Quindi, le differenze ritmiche (a volte metro, tempo o pattern) sono spesso importanti nella differenziazione di diversi generi o funzioni. I modelli di pista da ballo sono spesso simbolici: il cerchio è il più prevalente di questi con la direzione della 'vita' che varia da un'area all'altra (ad esempio, in senso orario per gli algonchini, in senso antiorario per gli irochesi).

Le culture native hanno spesso preso in prestito le tradizioni musicali di altre persone con cui sono venuti in contatto. Brani di repertori musicali popolari sono incorporati in eskanye irochesi. Strumenti europei, come il violino o la chitarra, possono essere usati per creare stili unici modellati, in parte, su principi musicali nativi (ad esempio, Lederman, 1987, vedi Bibliografia, sezione 5). Inni o canti popolari cristiani con testi in lingue indiane possono essere considerati un repertorio importante di musica 'nativa' (ad esempio, Preston, 1985, Whidden, 1985, Keillor, 1987 e Cavanagh, 1987, tutti in Bibliografia, sezione 5). Gli strumenti della band europea possono funzionare all'interno di contesti comunitari unici (ad esempio, vedere Lutz, 1978, sulle bande di ottoni degli Inuit of Nain, Labrador, o McIntosh History of Music nella British Columbia, 1990, sulle bande della British Columbia alla fine del 19 ° e all'inizio del XX secolo, entrambe le bibliografie, sezione 5). Canzoni popolari contemporanee in inglese, francese o varie lingue native costituiscono anche un importante repertorio per giovani compositori e cantanti / chitarristi (vedi Innu Nikamu).

Antropologi ed etnomusicologi hanno spesso tentato di comprendere l'enorme varietà e ricchezza delle culture delle Prime Nazioni identificando 'aree di cultura'. Nella musica, organizzazioni di questo tipo sono state realizzate da Helen Roberts (1936, vedi Bibliografia, sezione 2) e Bruno Nettl (North American Indian Musical Styles, Philadelphia1954). Questi schemi riflettono le percezioni degli estranei e continuano a influenzare l'organizzazione di articoli come questo. Le culture musicali native in quattro vaste aree geografiche sono discusse di seguito.

Come inteso all'interno dei suoi confini canadesi, la costa nord-occidentale come area musicale è descritta più efficacemente in termini di vari membri delle seguenti quattro famiglie linguistiche: Haida Australian Levitra (Northern: Massett; Southern: Skidegate), Tsimshian (Interior: Nisga 'a, Gitksan; Coast: Tsimshian), Wakashan (settentrionale: Haisla (Kitimaat), Haihais (Klemtu), Heiltsuk (Bella Bella, Waglisla), Oowekyala (Rivers Inlet) e Kwakwala (Isola settentrionale di Vancouver e terraferma adiacente); Sud: Nootka e Dididat (Nuuchahnulth)), e Salishan (Nuxalk (Bella Coola) e Coast Salish (Comaox, Sechelt, Squamish, Halkomelem e Straits)).

Negli ultimi due decenni, i nativi hanno iniziato a rimuovere i nomi imposti e li stanno sostituendo con termini indigeni. Così nomi come Bella Coola ora dovrebbero leggere Nuxalk, quelli a Rivers Inlet sono Oowekyala che parla Oowekeeno, Nootka sono i Nuuchahnulth, e così via. Persino il termine indiano stesso, almeno al più alto livello di generalizzazione politica, viene sostituito dall'espressione First Nations nella British Columbia.

L'insensibilità ai termini indigeni ha in passato oscurato la varietà degli stili musicali indiani della costa nord-occidentale (in appresso denominata NWC). Un buon esempio è il caso del termine Kwakiutl. Studiato estensivamente da Franz Boas, i Kwagulh (che vivono a Fort Rupert) erroneamente arrivarono a rappresentare tutta la cultura nordica di Wakashan in gran parte dell'antropologia post boasiana. In realtà sono solo uno dei dodici gruppi di lingua Kwakwala che oggi sono noti collettivamente come 'wakw' ('quelli che parlano Kwakwaka') del Kwakwaka.

Non sono solo i termini che devono essere modificati per consentire ai non nativi canadesi di comprendere e apprezzare la musica indiana della NWC. Ciò che è richiesto è una comprensione di come la musica sia sistematicamente correlata alla totalità dei lifeways NWC, una certa conoscenza della storia delle tradizioni musicali nel 19 ° secolo, e un abbandono del pregiudizio auditivo che proibisce agli accademici musicali non nativi di ammettere questa tradizione musicale nel regno della musica d'arte. Prima di presentare un modello di NWC dal punto di vista della musica, la tradizione della ricerca musicale nell'area verrà prima descritta brevemente.

Distribuzione geografica e culturale: la parola 'Athapaskan' designa una famiglia linguistica ampia e ampiamente distribuita che comprende molte tribù. Esiste "Buy Cheap Jintropin Online" una filiale australe di Athapaskan situata nel sud degli Stati Uniti; il ramo settentrionale di Athapaskan che ci riguarda qui si trova nel Canada subartico e in Alaska con alcune tribù, come il Gwich 'in', l'Han e la Tanana, a cavallo del confine.Il sistema usato qui è stato adottato dal Manuale del Nord America Indians, vol 6, Subarctic (Washington, DC, 1981) che discute e unifica le identificazioni e le affiliazioni varianti di gruppi e sottogruppi.

In Canada i principali gruppi tribali a ovest delle Montagne Rocciose sono Chilcotin, Carrier, Sekani, Tsetsaut e Tahltan della "Buy Cheap Jintropin Online" British Columbia. Gli indiani Tagish, "Jintropin (Gensci Pharmaceutical Co. Ltd.)" Tlingit interno e Kaska attraversano il confine con la Yukon della Columbia Britannica, mentre nello Yukon troviamo il Tutchone, Han e Gwich 'nelle persone. Gli indiani Beaver risiedono principalmente nel nord dell'Alberta ma anche nella British Columbia. Il MacKenzie River (Territori del Nord Ovest) sono i Chipewyan, il cui territorio si estende anche attraverso le Praterie settentrionali fino alla Baia di Hudson, il Dogrib, lo Slavey e il popolo delle Hare. Un gruppo designato come indiani di montagna precedentemente dalle pendici orientali delle montagne MacKenzie ora risiede anche in una comunità del fiume MacKenzie.

Gli indiani dei Territori del Nord-Ovest si designano come indiani Dene, una parola che significa 'uomo' o 'essere umano' e il loro territorio è Denendeh, 'la terra del popolo'.

Scritti sulla musica degli indiani di Athapaskan: esistono solo pochi scritti sulla musica degli Athapaskan canadesi, e la maggior parte di essi sono descrizioni sommarie contenute in ampie etnografie. Tuttavia, le opere di Petitot (fine del XIX secolo), Mason e Osgood (anni '20 e '40), Honigmann (anni '40 e '50), e altre, gettano luce sui significati delle tradizioni di canto e danza ancora in uso oggi. Nel 1966 gli antropologi June Helm e Nancy O 'Lurie scrissero The Dogrib Hand Game, in cui un intero capitolo è dedicato al canto e al tamburo caratteristici di quell'evento .. Nel 1972 la dissertazione di Michael Asch discusse la Slavey drum dance, successivamente pubblicata ( 1988) e rivisto per includere una discussione sulla sua relazione con il sistema di parentela. Nel 1974 Marie Franoise Gudon descrisse un evento cerimoniale Tanana in cui il canto e la danza giocano un ruolo importante. Gli scritti di R. Ridington comprendono componenti musicali nella sua discussione sulla vita spirituale degli indiani Beaver. La dissertazione di C. Mishler (1981) parla di Gwich 'nella musica e nella danza. A partire dal 1991, due studiosi si sono concentrati sulla musica di Dene: Elaine Keillor sulla musica Dogrib e Nicole Beaudry sulla musica e sui giochi tradizionali canadesi di Athapaskan e più specificamente sulle tradizioni del nord Slavey.

La scarsità di ricerche sulla musica di queste aree è tanto più sorprendente dato che il canto, la danza e la batteria sono essenziali per molti eventi sociali e cerimoniali e sono intimamente legati all'ideologia spirituale amerindia. Molte di queste tradizioni, anche se modificate o trasformate, sono rimaste vive e importanti fino ad oggi.

La casa ancestrale degli indiani delle pianure in Canada è la vasta area occupata dal Manitoba meridionale e centrale, dal Saskatchewan e dall'Alberta (la parte settentrionale del quale è il territorio di Athapaskan). Le principali tribù canadesi delle pianure sono Cree, Blackfoot (incluso Blood and Peigan), Sarsi, Cree delle pianure, Stony, Assiniboine e Salteaux (Plains Ojibwa). Mentre queste tribù parlano generalmente lingue diverse e reciprocamente incomprensibili, le loro musiche sono notevolmente simili e sono anche strettamente collegate alle musiche delle molte tribù delle Pianure che vivono nel Montana, i Dakota e punti a sud.

La vita musicale tradizionale (ancora praticata nel 1990, ma a un livello un po 'ridotto rispetto ai tempi passati) era incentrata su un ricco complesso di cerimonie e riti associati a culti religiosi, guerre, guarigioni, purificazione, morte e società per età, ciascuna con vari commistioni di componenti religiose e laiche o sociali. Ad ogni cerimonia o rito erano associate canzoni specifiche, di solito numerate diverse decine o più. Tra le categorie di canzoni più grandi c'erano le canzoni dei culti di medicina, le canzoni del ballo del sole o della medicina e le canzoni associate al complesso di guerra. Per molte cerimonie e riti la performance delle canzoni era la provincia di specialisti musicali. Alcune canzoni erano considerate sacre e non dovevano essere cantate al di fuori del loro specifico contesto rituale. Altre attività avevano altri repertori di canzoni: canzoni di ballo sociale, giochi d'azzardo e altre canzoni di gioco, ninne nanne, canzoni ambulanti, canzoni di serenade o di notte, e così via. Esisteva anche una miriade di canzoni personali ricevute da individui in sogni o visioni o ereditate dagli antenati. Con la decimazione del bufalo il nesso ecologico del tradizionale stile di vita delle pianure indiane nel tardo XIX secolo e l'istituzione del sistema di riserva di domicilio, molte delle cerimonie e dei riti tradizionali cominciarono a decadere e, insieme a loro, , i repertori musicali associati. I sopravvissuti più forti sono stati canzoni del complesso di guerra

La vita musicale contemporanea nelle riserve delle Pianure è multiforme. Accanto ai resti (e al rinnovamento autocosciente) della musica tradizionale cerimoniale e della vita musicale sopra descritta, esiste quella che potrebbe essere definita 'musica tradizionale moderna' e la vita musicale una continuazione ed elaborazione dello strato di danza sociale secolare del corpus tradizionale. Esistono numerosi generi di ballo sociale, ognuno con una coreografia specifica (e, in alcuni casi, elaborati costumi). Musicalmente si distinguono principalmente per tempo, sensazione di tempo (duplice o tripla) e piccoli dettagli della pratica esecutiva (spunti per ballerini, ecc.). I generi di doppioni includono la danza dell'erba, la danza del pollo Prairie, il ballo a cerchio, la danza pazza di cani e vari tipi di canzoni di guerra. Queste sono tutte danze solitarie collettive: i ballerini non si interrompono, ma tutti eseguono varianti delle stesse mosse base. Il genere triplo più popolare è la danza civetta, in cui coppie collegate (miste o dello stesso sesso) danzano lentamente in due passi come parte di un grande cerchio che ruota lentamente.

Anche molto in evidenza è l'impatto dei gusti musicali e delle pratiche dei bianchi. Attraverso la scuola, la chiesa, i viaggi e, naturalmente, attraverso i mass media, la maggior parte degli abitanti delle pianure indiane sono esposti a una vasta gamma di musica non indiana, e potrebbero preferire la 'musica bianca' (come alcuni la chiamano) alla musica Igf-1 Ormone indiana . Negli ultimi anni una danza sociale in una riserva delle Pianure può presentare musica rock o country (spesso con artisti nativi) piuttosto che musica indiana. A volte si trovano entrambi nello stesso evento. (Vedi sezione 6, sotto)

Come la maggior parte della musica nativa, la musica indiana Igf 1 Lr3 Results delle pianure è quasi esclusivamente musica vocale monofonica con accompagnamento di percussioni piuttosto basico, in gran parte a tempo, di solito con un ritmo di batteria duplice, ma a volte con un triplo (lungo corto, lungo corto, ecc.).

La qualità vocale del canto indiano delle pianure è caratterizzata da una grande tensione negli organi vocali e, in particolare sui toni sostenuti, da un suono o da una pulsazione (cioè, tremelo, o marcate fluttuazioni ritmiche di ampiezza). Tensione e pulsazioni sono prodotte, rispettivamente, dall'adduzione delle corde vocali e dalla manipolazione della cavità faringea. La qualità tesa del canto è ulteriormente enfatizzata dalla pratica del pitching delle canzoni ai limiti superiori estremi della gamma vocale e dalla loro consegna a tutto volume.

Un'altra caratteristica importante della musica indiana delle pianure è la complessa interrelazione ritmica tra canto e batteria. Nell'ascolto casuale i due possono sembrare scoordinati o in una relazione casuale, ma uno studio accurato rivela l'esistenza di fraseggi o ritmazioni offuscate ritmicamente precisi (cantando dietro il ritmo del tamburo): sistematicamente si evitano gli unoni ritmici tra importanti articolazioni vocali e percussive. (Questo può essere rilevato facilmente riproducendo una registrazione a velocità ridotta su un dispositivo di riproduzione a velocità variabile, una procedura che è stata utilizzata per generare la trascrizione mostrata di seguito.) Va notato che i cantanti suonano sempre: non c'è differenziazione di questi due ruoli nelle prestazioni, quindi, la complessa interrelazione ritmica della voce di batteria non è il risultato di una coesione omogenea.

Sulle prove delle registrazioni fatte dalla fine del XIX secolo, le caratteristiche stilistiche sopra menzionate sono diventate sempre più importanti nel corso degli anni. Lo stile musicale di Plains e le danze associate si sono diffuse ampiamente oltre l'area delle pianure e sono diventati gli stili principali praticati dai cantanti e dai ballerini del Powwow in tutto il Nord America indiano. La musica e la danza delle pianure sono quindi simboli dominanti dell'identità pan pan Indian e della solidarietà inter tribale.

Sebbene il canto pubblico sia principalmente un dominio maschile, le donne certamente cantano e sembrano conoscere il repertorio generale così come gli uomini, come dimostra la loro partecipazione come assistenti musicali in una serie di situazioni di performance pubbliche, nin particolare la danza dell'erba. Qui, occasionalmente, le cantanti donne raddoppiano le voci maschili all'ottava

Contraseña perdida